Diete

VEGANI e VEGETARIANi

Le parole “veganismo” e “vegetarianismo” sono così simili che alcune persone tendono a confondere questi concetti e credono erroneamente che siano la stessa cosa. In realtà non è del tutto vero: questi sistemi di alimentazione presentano differenze molto significative. Tuttavia godono di una popolarità quasi uguale tra gli amanti di uno stile di vita sano! Quindi in che modo il veganismo differisce dal suo “cugino” vegetarianismo e quali benefici o danni può arrecare al corpo?

Il veganismo e il vegetarianismo sono parenti?
Il veganismo e il vegetarianismo sono sistemi alimentari simili tra loro, ma quest’ultimo è molto più antico e molto più indulgente. Le prime menzioni del vegetarianismo risalgono ai tempi dell’antica Grecia e molti storici testimoniano che i pitagorici erano vegetariani. Quanto al veganismo, ha preso forma come tendenza autonoma solo nel secolo scorso.

Cosa implica il vegetarianismo?
Il vegetarianesimo può essere rappresentato come un sistema alimentare in cui puoi mangiare di tutto, tranne la carne e il pesce. Cioè, non c’è assolutamente posto per i prodotti a base di carne e pesce nella dieta dei vegetariani! Allo stesso tempo, non ci sono restrizioni sull’uso di altri prodotti.
Il vegetarianesimo è un sistema alimentare sviluppato, all’interno del quale si sono già formate diverse direzioni indipendenti. Forse la tendenza più diffusa in questo momento è la dieta latto-ovo-vegetariana: la carne animale in questo caso non viene consumata, tuttavia alcuni prodotti di origine animale, come latte, latticini e uova, possono essere inclusi nella dieta. I prodotti principali in quest’ambito sono verdure, frutta, noci, cereali, funghi, tutti i tipi di ortaggi a radice, erbe, oltre a yogurt, formaggio, uova e latte. La seconda direzione presa dal vegetarianismo è l’ovo vegetarianismo: puoi mangiare uova, ma i latticini, come la carne, in questo caso sono vietati.
Per gli amanti del latte e dei latticini ecco il latto-vegetarianismo: qui sono le uova ad essere vietate oltre alla carne.
Esistono poi varianti relativamente recenti e piuttosto insolite delle diete vegetariane: i semi-vegetariani, possono permettersi di mangiare pollame, mentre gli aderenti al pescetarianesimo si concedono il pesce e tutti i tipi di frutti di mare, escludendo completamente dai loro menù uova e latticini. I pescetariani giustificano il consumo di pesci e frutti di mare con il fatto che non sono creature a sangue caldo e che non sono così vicini agli umani come vari animali domestici.
Anche il vegetarianismo presenta alcune controindicazioni e tuttavia non così tante come il veganismo: questo sistema nutrizionale non è categoricamente adatto a persone che hanno subito un intervento chirurgico di recente, inoltre, questa è un’opzione completamente inaccettabile per periodi di riabilitazione e recupero.

Veganismo: le principali sfumature della nutrizione
Il veganismo è un sistema alimentare relativamente giovane e comporta una dieta molto più rigorosa del vegetarianismo. Per essere più precisi, possiamo dire che è il vegetarianismo più duro: niente pesce né frutti di mare, niente carne, niente latticini né uova. E’ assolutamente vietato qualsiasi alimento che contenga ingredienti di origine animale e quindi anche pasta all’uovo e prodotti da forno con aggiunta di uova e burro. Tra le altre cose, ai vegani è vietato cibarsi di miele e utilizzare qualsiasi altro prodotto dell’apicoltura: propoli, nonché pappa reale e pane d’api. Vietati anche i prodotti derivati dall’uovo, tuorli, lecitina o gelatina: un fatto che gli amanti delle salse dovrebbero considerare. Il veganismo si divide in due tipologie: crudismo e fruttarismo.

Gli aderenti a una dieta di cibi crudi possono mangiare solo cibi vegetali e solo freschi: qualsiasi trattamento termico è severamente vietato! Quanto al fruttarianesimo, è forse il veganismo più gustoso e, in una certa misura, più salutare: si tratta di mangiare esclusivamente frutta.

Perché il veganismo è così severo?
La formazione del veganismo è avvenuta sotto l’influenza del principio di non infliggere il minimo
danno a nessun organismo vivente. La componente più importante del veganismo è la consapevolezza, ovvero, per comprendere e accettare pienamente il veganismo, è necessario approfondire la sua stessa essenza, che non si trova tanto negli aspetti dietetici, quanto in quelli filosofici! E la dieta stessa nel suo insieme, infatti, è una conseguenza di certi atteggiamenti e comportamenti morali ed etici vegani. È molto importante per i veri vegani vivere in completa armonia con Madre Natura, percepirsi come parte integrante di questa natura, nonché essere consapevoli della propria appartenenza ad essa e, senza dubbio, essere pienamente responsabili di come vivono. Insomma, il veganismo è un vero e proprio stile di vita, che si basa sulla consapevolezza! Ogni vegano è pienamente consapevole che qualsiasi esperimento su rappresentanti del mondo animale dovrebbe essere severamente vietato, poiché tutti gli animali, senza eccezioni, sono stati creati dalla natura non per testare cosmetici, medicinali o altri prodotti. Anche qualsiasi tipo di sfruttamento degli animali dovrebbe essere completamente fermato e proibito, e ancor più non dovrebbero essere pubblicizzati o ricevere alcun sostegno. Sfruttamento
degli animali significa zoo, circhi, caccia, pesca e qualsiasi altra azione che contenga anche il minimo accenno di crudeltà o trattamento innaturale della fauna indifesa. Il veganismo impone non solo una certa dieta: i vegani non usano mai prodotti fatti di seta, pelliccia o pelle naturale nella loro
vita quotidiana, poiché tutte queste cose sono ottenute attraverso la crudeltà e infliggendo dolore alle creature viventi.

Le principali differenze tra veganismo e vegetarianismo
Riassumendo quanto sopra, si può notare che il menù vegano è piuttosto diverso da quello vegetariano: l’elenco degli alimenti consentiti ai vegani è molto più povero e scarso, il loro menù non può essere per nulla equilibrato, inoltre, la loro dieta è quasi completamente priva di proteine, che sono contenute nei latticini o nelle uova, e che non sono vietate nel vegetarianesimo.

E comporre un menu vegano a tutti gli effetti non è affatto un compito facile: affinché la dieta sia almeno leggermente equilibrata, è estremamente importante tenere conto della composizione
di tutti i prodotti inclusi in essa. Uno degli svantaggi più importanti di una dieta vegana è che diventa ripetitiva molto rapidamente: se non dedichi il giusto tempo alla stesura di un menu più o meno vario e non mostri immaginazione, puoi arrivare a sbarazzartene dopo una settimana banchettando con ogni tipo di prelibatezza. E, naturalmente, in nessun caso dobbiamo dimenticare che il veganismo ha un numero davvero incredibile di controindicazioni, poiché ha un effetto estremamente negativo sul funzionamento di molti organi e sistemi del corpo umano: i vegani vanno incontro abbastanza spesso a disturbi nella ghiandola tiroidea e a varie malattie dell’apparato muscolo-scheletrico, delle articolazioni, dell’intestino e del sangue.

Ci sono vegetariani o vegani tra i tuoi amici? O, forse, tu stesso aderisci a uno di questi sistemi nutrizionali?

Di commento qui