Cerca

TOGLIETE QUESTI CIBI DAL FRIGO!

( 0 su 5 )
Caricamento...

Nessuno

Select
  • Cena
  • Colazione
  • Dessert
  • Pranzo
Salva ricetta TOGLIETE QUESTI CIBI DAL FRIGO!
  • 0 mTempo di preparazione
  • 0 mTempo di cottura
  • 0 mPronto in
Stampa Ricetta o Articolo

Quasi sicuramente nel tuo frigo in questo momento c’è qualche alimento che non ha senso sia lì.
Quali sono i cibi che tendiamo a lasciare al fresco e perché vanno invece rimossi?

Piatti cucinati in casa (più di 3-4 giorni)
Molto spesso cuochi e cuoche troppo impegnati o troppo pigri per cucinare un piatto fresco ogni giorno in piccole quantità, preferiscono cucinare grandi quantitativi sicuri che il frigorifero conserverà perfettamente il piatti finiti. Questa abitudine molto pericolosa e malsana deve essere abbandonata e i pasti devono essere preparati ogni giorno nelle quantità che normalmente vengono consumate in famiglia in una volta.

È necessario ricordare la semplice verità degli scienziati dei laboratori alimentari: i pasti possono essere conservati in frigorifero senza timore di intossicazione alimentare per non più di 3-4 giorni. Dopo aver messo il piatto in frigorifero, i microrganismi iniziano a moltiplicarsi al suo interno, il che può successivamente portare, se il piatto viene tenuto a lungo in frigorifero, ad avvelenamento, problemi digestivi e malattie intestinali. Inoltre, con ogni ora di permanenza in frigorifero, il cibo perde le sue qualità. Nell’aspetto e nell’odore, rimarrà lo stesso, ma è già iniziata la crescita di microrganismi al suo interno, invisibili agli occhi, e la sua utilità è diminuita.

Lattine aperte

Molte persone conoscono questa regola, ma per qualche motivo molti se ne dimenticano o non pensano che le lattine aperte e il cibo conservato in esse nel frigorifero possano essere tossici.
Le lattine non sono pericolose, ma gli ioni di alluminio invece lo sono. Quando arriva dell’aria, in poche ore gli ioni di alluminio penetrano nel cibo. Pertanto, quando si cucina il cibo in alluminio, è necessario trasferirlo in un contenitore più ecologico dopo la cottura. Lo stesso vale per le lattine: i prodotti in esse contenuti, dopo l’apertura, devono essere trasferiti in contenitori di vetro, porcellana o altri piatti.

Insaccati

Questi sono i primatisti in termini di conservabilità, ma anche loro si deteriorano a causa di una conservazione impropria. Se noti una fioritura verdastra sugli insaccati in frigorifero, un po ‘di muffa, non rimuovere solo la parte del prodotto che ti sembra intaccata, poiché in realtà è l’intero alimento ad essersi ammuffito. Butta via tutto senza rimpianti.
Altra regola da seguire: non conservare gli insaccati in sacchetti di plastica per alimenti. Solo la carta può prolungare la durata di conservazione della salsiccia in frigorifero, poiché consente al prodotto di “respirare”.

Latte e latticini

Il latte senza trattamento termico può essere conservato in frigorifero per non più di due giorni. Il latte che è stato sterilizzato o ultrapastorizzato invece resiste una decina di giorni. Dopo aver aperto la confezione in tetra sulla quale la durata di conservazione indicata è addirittura di un anno o più, il latte non può comunque essere conservato per più di altri 8-10 giorni in frigorifero. In generale la conservazione del latte sterilizzato dopo l’apertura non supera i cinque giorni.

Prodotti a base di pane

Il congelatore può allungare la vita del pane se, ad esempio, se ne acquista molto e si ha bisogno di prolungarne la durata. Ma quando il pane si trova nel solito scomparto del frigorifero, si deteriora rapidamente, assorbendo non solo gli odori di altri prodotti vicini, ma anche la condensa della camera del frigorifero, che contiene microrganismi pericolosi, che si diffondono rapidamente nel pane. Non è stato ancora inventato un posto migliore per conservare pane e prodotti da forno rispetto a una normale scatola del pane sul tavolo della cucina.

Frutti tropicali

Frutta come banane, agrumi, kiwi e altri frutti tropicali non sono abituati al freddo e devono essere conservati fuori dal frigorifero. Per quanto riguarda la frutta ordinaria, come mele, pere e altri, il frigorifero ne attiva la maturazione, quindi è bene metterci i frutti solo se sono acerbi. La frutta comune, buona e matura non deve essere refrigerata: meglio consumarla il prima possibile.

/

  • Mangiare Sano >

    Ordina online i prodotti biologici del migliori Agricoltori e produtori Italiani sulla nostra piittaforma !

71 Visualizzazioni