Bellezza e saluteDiete

DIETA SECONDO L’ETA’

Il nostro corpo cambia con l’età, quindi non sorprende che tu debba adattare il tuo stile di vita. Il nostro sistema alimentare non si ferma, siamo costretti a cambiarlo negli anni, limitando la presenza di alcuni prodotti e completando la dieta con altri. E’ importante capire quali piatti possono essere utili e quali dannosi nelle diverse età.

Ogni decennio della nostra vita associato a una diminuzione dell’attività fisica, il metabolismo rallenta gradualmente, mentre la dieta di solito non cambia in meglio, ma al contrario peggiora. Infatti è dopo 30-40 anni che non possiamo negarci una porzione in più, soprattutto di dolce.

La velocità dei processi metabolici cambia a seguito di un cambiamento nel background ormonale, che si distingue per la presenza di tre pietre miliari della crisi:

Il raggiungimento dei 25 anni di età, quando la produzione di somatotropina diminuisce, il che rende possibile trasferire la nutrizione in eccesso nella massa muscolare e la crescita della struttura scheletrico-articolare.

Raggiungendo i 35-36 anni, quando gli ormoni sessuali vengono prodotti in quantità minori, i livelli di testosterone diminuiscono e l’equilibrio degli ormoni sessuali cambia. Questo è il periodo della crisi di mezza età.

Superando la svolta di 40-45 anni il livello di testosterone maschile scende ancora di più e molte donne iniziano la menopausa. Ciò provoca un ulteriore rallentamento dei processi metabolici.

Cambiamento nella dieta correlata all’età

Con il superamento dei confini della crisi ormonale, cambia lo stato fisico e psico-emotivo di una persona. Pertanto non sorprende che il corpo richieda diversi tipi di alimenti.

Dopo 18-20 anni

Questo un periodo di attività vitale in cui una persona si precipita agli estremi gastronomici: alcuni, sullo sfondo delle esperienze personali, soffrono di un aumento dell’appetito, mentre altri perdono interesse per il cibo. La dieta dovrebbe essere ricca di latticini per stimolare e sostenere la crescita ossea. Alcol e diete pesanti dovrebbero essere esclusi.

Dopo 30 anni

La dieta dovrebbe contenere cibi ricchi di elementi minerali e vitaminici, antiossidanti. Lo stress è il principale provocatore che altera l’appetito di una persona. Le proteine sono necessarie per la massa muscolare, ma dovresti stare attento con i latticini. La saturazione proteica dovrebbe essere distribuita durante il giorno.

Si consiglia di cucinare uova strapazzate o frittata per colazione. La ricotta è perfetta per il pranzo. Il pranzo può essere variato con insalata di verdure, zuppa e pesce. La frutta dovrebbe essere scelta come dessert. Avrai bisogno di frutta per uno spuntino e per cena puoi mangiare verdure, carni magre o pollo. L’apporto calorico giornaliero per donne e uomini fissato rispettivamente a 2000 kcal e 3000 kcal.

Dopo 40 anni

I prodotti dovrebbero aiutare a combattere i sintomi depressivi e il sovraccarico emotivo. Puoi ricostituire la fornitura di serotonina con farina d’avena, pollame, pesce, peperone rosso e piccole porzioni di cioccolato. Si preferiscono le verdure che forniscono sazietà con poche calorie.

Per colazione scegli la farina d’avena o il porridge di grano saraceno. I piatti possono essere variati con pinoli o mandorle. Pranzo: frutta e verdura assortite, zuppe a base di verdure, pollo o tacchino. Bacche per il tuo tè pomeridiano. Lamponi, mirtilli rossi, mirtilli rossi, frutti di feijoa aiuteranno a prevenire i disturbi cronici. La cena dovrebbe prevedere solo piatti di pesce a basso contenuto di grassi con contorno di verdure.

Il contenuto calorico giornaliero ridotto rispetto al gruppo precedente di 500-800 kcal.

Oltre 50 anni

Durante questo periodo, il corpo richiede fibre, che sono sature di frutta e verdura. Aiuta a migliorare la digestione, prevenire la stitichezza, stimolare l’eliminazione del colesterolo e delle tossine. Si consiglia di consumare giornalmente fino a 600 g di verdura e 400 g di frutta e bacche assortite. Poiché la condizione delle ossa e delle articolazioni peggiora, dovresti rimuovere il sale in eccesso dalla dieta; non indulgere con caffè e tè forte. Si consiglia di consumare la ricotta con un contenuto di grassi del 2,5%.

Dovresti limitare l’uso di brodi e carni grasse. Le zuppe troppo grasse vengono sostituite con brodi con verdure.

Il menu del giorno potrebbe assomigliare a questo:

colazione: piatti con ricotta, una bevanda al kefir o una porzione di yogurt con un contenuto di grassi del 2% o più;

spuntino mattutino: frutta e verdura assortite;

pranzo: verdure con pesce o pollo, tacchino;

tè pomeridiano: piatti a base di frutta o bacche;

cena: porridge cereali e verdure.

Il limite di apporto calorico giornaliero per uomini e donne rispettivamente di 1800 kcal e 1300 kcal .

Di commento qui