Bellezza e saluteDiete

DIETA PER LA GOTTA

La gotta è una delle malattie articolari più comuni che si sviluppa a causa di disturbi metabolici. Con la gotta, il corpo accumula acido urico e i suoi sali, urati, che vengono convertiti in depositi, che colpiscono più spesso le articolazioni delle mani e dei piedi. Un punto classico per la gotta infatti è l’articolazione dell’alluce. È ad un nodulo sporgente su questa articolazione che la maggior parte di noi associa la gotta. Dolore quando si cammina, problemi con la scelta delle scarpe, deformità progressiva del piede e mobilità articolare ridotta: i nostri nonni hanno combattuto contro la gotta, lasciando molte ricette della medicina tradizionale. Resta il fatto che gli uomini oltre i quarant’anni e le donne in menopausa sono potenziali vittime di questa malattia.

Prevenzione della gotta
La nutrizione gioca un ruolo importante nello sviluppo della gotta. Oltre a una predisposizione ereditaria, il percorso verso la gotta è accompagnato da carne e alcol. Anche l’eccesso di cibo tout court e uno stile di vita sedentario contribuiscono allo sviluppo della gotta.
Per prevenire la gotta, è necessario limitare l’uso di prodotti proteici, prima di tutto carne, pesce, brodi e salse di carne e pesce, legumi. E sfatiamo il mito sull’utilità delle verdure in qualsiasi quantità: anche l’eccessivo entusiasmo per l’acetosa e il cavolfiore contribuisce allo sviluppo della gotta.
Il secondo amico della malattia è l’alcol: in particolare la birra è leader nelle bevande a deposizione di acido urico.
Per inciso la gotta una volta era chiamata una “malattia aristocratica” perché la nobiltà francese, che conosceva i vini e non perdeva occasione per mangiare un buon pezzo di carne, all’età di cinquant’anni acquisiva dolorose e “poco aristocratiche” protuberanze sulle gambe. La povera gente che invece consumava vino e carne solo nelle feste più importanti non poteva nemmeno sognare una simile malattia.

I chili in più non sono solo un disturbo metabolico, ma anche un carico extra sulle articolazioni delle gambe. Ma qui sorge un problema: il fatto è che il digiuno provoca la formazione e la ritenzione di acido urico nel corpo non meno dell’eccesso di cibo. Quindi, nella fretta di perdere peso drasticamente, puoi arrivare a una forma acuta di gotta.

Ecco una dieta raccomandata per le persone con gotta: una dieta che aiuta a ridurre l’acido urico e l’urato nel corpo. Quindi, escludiamo: carne di eventuali animali giovani; eventuali brodi di carne, pesce, pollo e persino funghi; gelatine e sughi di carne; carne, pesce o pollame affumicati; fegato, reni, cuore, cervello; pesce in scatola, pesce salato e fritto, caviale; tè forti, caffè e cacao; tutte le varietà di legumi; carne di maiale e qualsiasi prodotto con il suo contenuto; tutti i prodotti contenenti conservanti; grassi di origine animale; eventuali spezie, eccetto alloro, aceto e sale; torte e crema; alcool; fichi, lamponi, uva, tutti i prodotti a base di uva, uva passa.

Ammessi, ma in quantità limitate:
insaccati; bolliti di manzo, pollame, pesce (meglio dare la preferenza a salmone e trota); sale (meno è meglio è); pomodori (non più di 3 al giorno), cavolfiori, asparagi, spinaci, rabarbaro, acetosella, sedano, peperoni, ravanelli, rape; funghi prataioli e porcini; sottaceti e sottaceti; prezzemolo, cipolle verdi; burro; prugne; latte (come additivo ai cereali e al tè).

Elenco di cosa consiglia la dieta per l’alimentazione quotidiana:
carne di pollo, coniglio, tacchino; calamari, cozze, gamberi; uova; zuppe vegetariane; pesce magro; prodotti a base di latte fermentato, ricotta, panna acida, formaggio magro; cereali, pasta, pane bianco e nero; semi, noci, mandorle, pinoli; cavolo cappuccio, patate, cetrioli, carote, zucchine e melanzane; miele; marmellata, marshmallow, caramelle; agrumi, mele (ma solo verdi), uva spina, angurie, meloni, avocado; tutti i frutti di bosco eccetto i lamponi; aneto, coriandolo, basilico; tè non forti al limone, tè verde, tè al latte, composte, succhi di verdura, frutta, bacche, ma senza conservanti; olio vegetale (di oliva e di semi di lino).

Di commento qui